Browse By

La storia dell’Amore e della Follia

 

fiori_generico

Qualche giorno fa ho visto un video che parlava di questa storia e ho voluto trascriverlo per condividerlo con voi. E’ una breve storia che spiega come l’Amore e la Follia siano sempre insieme! Per leggere altri bellissimi brani basta andare nella categoria TESTI POESIE E PREGHIERE.

RACCONTI BREVI

storia-amore-follia

LA STORIA DELL’AMORE E DELLA FOLLIA

Tanto tempo fa la Follia decise di invitare tutti i sentimenti a prendere un caffè da lei.
Dopo il caffè, la Follia propose:
“Si gioca a nascondino?”
“Nascondino? Che cos’è?” – domandò la Curiosità.
“Nascondino è un gioco. Io conto fino a cento e voi vi nascondete.
Quando avrò terminato di contare, comincerò a cercarvi
e il primo che troverò sarà il prossimo a contare.”
Accettarono tutti ad eccezione della Paura e della Pigrizia,
che rimasero a guardare in dipsparte.
“1,2,3…” – la Follia cominci a contare.
La Fretta si nascose per prima, dove le capitò.
La Timidezza, impacciata come sempre, si nascose in un gruppo d’alberi.
La Gioia corse festosamente in mezzo al giardino,
non curante di un vero e proprio nascondino.
La Tristezza cominciò a piangere, perché non trovava un angolo adatto per nascondersi.
L’ Invidia, ovviamente, si unì all’Orgoglio e si nascose accanto a lui dietro un grande masso.
La Follia continuava a contare mentre i suoi amici si nascondevano.
La Disperazione era sconfortata vedendo che la Follia era già a novantanove.
“Cento!” – gridò la Follia – “Adesso verrò a cercarvi!”
La prima ad essere trovata fu la Curiosità,
poiché non aveva potuto impedirsi di uscire
per vedere chi sarebbe stato il primo ad essere scoperto.
Guardando da una parte,
la Follia vide il Dubbio sopra un recinto
che non sapeva da quale lato
avrebbe potuto nascondersi meglio.
E così di seguito furono scoperte…
la Gioia, la Tristezza, la Timidezza e via via tutti gli altri.
Quando tutti finalmente si radunarono,
la Curiosità domandò: “Dov’è l’Amore?”.
Nessuno l’aveva visto.
Il gioco non poteva considerarsi concluso,
così la Follia cominciò a cercarlo.
Cercò in cima ad una montagna, lungo il fiume, sotto le rocce…
ma dell’Amore, nessuna traccia.
Setacciando da tutte le parti,
la Follia si accorse di un rosaio,
prese un pezzo di legno e cominciò a frugare tra i rami spinosi,
quando ad un tratto sentì un lamento…
Era l’Amore, che soffriva terribilmente
perché una spina gli aveva appena perforato un occhio.
La Follia non sapeva che cosa fare,
si scusò per aver organizzato un gioco così stupido,
implorò l’Amore per ottenere il suo perdono
e commossa dagli esiti di quel danno irreversibile
arrivò fino a promettergli
che l’avrebbe assistito per sempre.
L’ Amore rincuorato, accettò la promessa e quelle scuse così sincere.
Così da allora:
l’Amore è cieco e la Follia lo accompagna sempre.

Rispondi

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
Sostieni anche tu questo Sito!

Basta mettere un Mi Piace alla nostra pagina Facebook! A te un Mi Piace non costa nulla, per noi è una grande risorsa!


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul link per leggere l'informativa estesa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi