Poesia “Signore, sei l?

In questa poesia, gli uomini che sentono i pericoli del mondo moderno, si rivolgono al Signore affinch protegga i bambini

In questa poesia, gli uomini che sentono i pericoli del mondo moderno, si rivolgono al Signore affinch protegga i bambini che sono la speranza di domani.

Signore, sei l?fiori_genericoUn cortile, io guardo,
e bambini.
Un’aia
e bambini.
Un giardino
e bambini.
Un vicolo, una piazza,
un terrazzo
e bambini.
Signore, sei l?
Sei l, anche Tu?
Non volgere gli occhi,
non distrarti,
Signore!
In questo mondo che rotola
impazzito,
contro le Tue leggi cozzando,
che corre e corre per afferrare
l’inafferrabile,
e non vede, non pi
le cose vicine d’amare,
da salvare,
abbiamo paura.
Dai nostri cortili,
dai nostri giardini,
aie, piazze, vicoli,
terrazze,
ove sciamano i nostri bambini,
non ti allontanare, Signore!

(Adelina Farnocchia)

1 comment

Rispondi

Most popular

Most discussed