Storie di Bruno Ferrero “Il conto”

Storie di Bruno Ferrero “Il conto”

Bellissima storia per l’anima che ci ricordache l’amore gratuito se no non amore

Bellissima storia per l’anima di Bruno Ferrero. Il brano in questione “Il conto”. E’ importante ricordare che l’amore gratuito, se no, non amore.

IL CONTO

Una sera, mentre la mamma preparava la cena, il figlio undicenne si present in cucina con un foglietto in mano.
Con aria stranamente ufficiale il bambino porse il pezzo di carta alla mamma, che si asciug le mani col grembiule e lesse quanto vi era scritto:
“Per aver strappato le erbacce dal vialetto:
Euro 3.
Per aver ordinato la mia cameretta:
Euro 5.
Per essere andato a comperare il latte:
Euro 0,50.
Per aver badato alla sorellina (3 pomeriggi):
Euro 9.
Per aver preso due volte “ottimo” a scuola:
Euro 5.
Per aver portato fuori l’immondizia tutte le sere:
Euro 4. Totale: Euro 26,50″.
La mamma fiss il foglio negli occhi, teneramente.
La sua mente si affoll di ricordi. Prese una biro e,
sul retro del foglietto, scrisse:
“Per averti portato nel grembo 9 mesi: Euro 0.
Per tutte le notti passate a vegliarti quando eri
ammalato: Euro 0.
Per tutte le volte che ti ho cullato quando eri
triste: Euro 0.
Per tutte le volte che ho asciugato le tue lacrime: Euro 0.
Per tutto quello che ti ho insegnato, giorno dopo
giorno: Euro 0.
Per tutte le colazioni, i pranzi, le merende, le cene e
i panini che ti ho preparato : Euro 0.
Per la vita che ti do ogni giorno: Euro 0.
Totale: Euro 0.
Quando ebbe terminato, sorridendo la mamma
diede il foglietto al figlio.
Quando il bambino ebbe finito di leggere ci che
la mamma aveva scritto, due lacrimoni fecero
capolino nei suoi occhi.
Gir il foglio e sul suo conto scrisse: “Pagato”.
Poi salt al collo della madre e la sommerse di baci.

Quando nei rapporti personali e familiari si cominciano a fare i conti, tutto finito. L’amore gratuito. O non amore.
“In un giorno caldo, preparai dei coni gelato e dissi ai miei quattro figli che potevano comprarli per un abbraccio.
Quasi subito i ragazzi si misero in fila per fare il loro “acquisto”. I tre pi piccoli mi diedero una veloce stretta, afferrarono il cono e corsero di nuovo fuori. Ma quando venne il turno di mio figlio adolescente, l’ultimo della fila, ricevetti due abbracci. “Tieni il resto” disse con un sorriso”.

Bruno Ferrero – A volte basta un raggio di sole

3 comments

Rispondi

Most popular

Most discussed

Ads Block Detector Powered by codehelppro.com

Ads Blocker Detected!!!

We have detected that you are using extensions to block ads. Please support us by disabling these ads blocker.

Disable Ad Block

Join Our Website