Racconti brevi Thomas Edison

Un genitore, anche se a volte va incontro a delle delusioni, non deve mai smettere di credere nel proprio figlio. Ognuno ha i suoi tempi e la speranza ci deve sempre accompagnare. I nostri gesti di fiducia nei suoi confronti sicuramente lo aiuteranno a crescere e a compiere il suo progetto. In questo racconto vediamo un esempio pratico di come non bisogna mai perdere la speranza! Il titolo è ” Thomas Edison” tratto dal libro Racconti di Pino Pellegrino.

RACCONTI BREVI

Thomas Edison

Thomas Edison (uno dei più prestigiosi inventori di tutti i tempi) un giorno consegnò ad un suo giovane assistente una lampadina la cui costruzione aveva richiesto mesi e mesi di lavoro. L’assistente, sapendo quanta fatica era costata, la prese con estrema cautela e la portò su per le scale, ma, all’ultimo gradino, per la troppa apprensione, se la lasciò sfuggire di mano. Thomas Edison, con i suoi collaboratori, dovette lavorare altre settimane per costruirne una seconda simile alla prima. Terminato il lavoro, Edison si guardò in giro e riconsegnò la preziosa lampadina allo stesso assistente. Questo gesto fu per il giovane, una potentissima flebo di fiducia in se stesso: compì il compito con serenità e disinvoltura.

Una faccia dell’amore pedagogico: continuare a credere nel figlio, mai perdere la speranza.

Add comment

Rispondi

Most popular

Most discussed